BENVENUTI AL MUSEO
iniziativa promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, DG per la valorizzazione del patrimonio culturale, Centro per i Servizi Educativi del Museo e del territorio
gli studenti accolgono il pubblico negli scavi in Salaborsa e a Palazzo Pepoli Campogrande
Home - Mostre e appuntamenti - Archivio mostre  - Studenti in sala Borsa e a Palazzo Pepoli Campogrande

Comunicato stampa (05/04/2012)
Comunicato stampa (presentazione 23/03/2012)

Bologna, 22 aprile 2012
Buon successo di pubblico dell'iniziativa, attestato dalla grande affluenza di visitatori: 987, di cui 360 con visita guidata specifica, agli scavi in Salaborsa, e 1640 a Palazzo Pepoli Campogrande

 

Bologna
Scavi archeologici in Salaborsa (Piazza del Nettuno 3): visite guidate da martedì 17 a venerdì 20 aprile, dalle 10 alle 17, con cadenza ogni 30 minuti
Visita guidata in russo (martedì 17, ore 11), in arabo (martedì 17, ore 12), in inglese e in spagnolo (tutti i giorni tutti i turni)

Palazzo Pepoli Campogrande (Via Castiglione 7): visite guidate da sabato 14 a sabato 21 aprile (esclusa domenica 15), dalle 10 alle 17, con cadenza oraria
Visita guidata in arabo (sabato 14, ore 11), in spagnolo (lunedì 16, ore 11), in inglese (sabato 21, ore 15), in moldavo (sabato 21, ore 16)

Inoltre, sabato 14 aprile (ore 16), conferenza di Ciro Imperato, Comandante del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Bologna, dal titolo “L’arte in Ostaggio” -  Palazzo Pepoli Campogrande (Via Castiglione 7)

Benvenuti agli scavi in Salaborsa e a Palazzo Pepoli Campogrande

Bologna. Gli scavi archeologici all'interno della Sala Borsa, in Piazza del Nettuno 3Gli studenti di tre istituti cittadini accolgono il pubblico negli scavi archeologici in Salaborsa e a Palazzo Pepoli Campogrande

clicca qui per scaricare il pdf degli scavi in Salaborsa (con le principali iniziative della Soprintendenza durante la Settimana della Cultura)

clicca qui per scaricare il pdf di Palazzo Pepoli Campogrande
e dei principali affreschi

Nell’ambito del progetto “Benvenuti al museo”, promosso dal Servizio II della Direzione Generale per la Valorizzazione del patrimonio Culturale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali in occasione della XIV Settimana della Cultura (14-22 aprile 2012)

Da Sabato 14 a sabato 21 aprile (esclusa domenica 15 aprile e con modalità diverse a seconda della sede) gruppi di studenti di vari Istituti cittadini si alterneranno per accogliere e accompagnare il pubblico alla visita di due particolari testimonianze storico-artistiche di Bologna: i resti più antichi della città, in particolare le strutture della Basilica civile di Bononia, emersi dagli scavi in Salaborsa, in Piazza del Nettuno, e il piano nobile di Palazzo Pepoli Campogrande,  in Via Castiglione 7, (sede distaccata della Pinacoteca Nazionale), uno dei più importanti esempi cittadini di grande decorazione seicentesca e settecentesca e un curioso esempio di utilizzo celebrativo del mito di Eracle.
In entrambe le sedi, gli studenti dell'IPSCT “Aldrovandi-Rubbiani”, dell'ITCS “R.Luxemburg” e del Liceo Linguistico “L. Bassi” cureranno anche visite guidate in inglese, arabo, spagnolo e russo.

Orario
Salaborsa (Piazza del Nettuno 3): da martedì 17 a venerdì 20 aprile dalle ore 10 alle 17 con partenza delle visite guidate ogni mezz’ora circa - clicca qui per scaricare il depliant che sarà distribuito in Sala Borsa contenente le informazioni sugli scavi -  Visita guidata russo (martedì 17, ore 11), in arabo (martedì 17, ore 12); possibilità di visite guidate in inglese tutti i giorni, in tutti i turni
Palazzo Pepoli Campogrande (Via Castiglione 7): da sabato 14 a sabato 21 aprile (esclusa domenica 15) dalle ore 10 alle 17 con partenza delle visite guidate ogni ora (il palazzo chiude alle ore 18, ultima visita guidata ore 17) - clicca qui per scaricare il pdf con le info su Palazzo Pepoli Campogrande e quello con le foto dei principali affreschi - Visita guidata in arabo (sabato 14, ore 11), in spagnolo (lunedì 16, ore 11), in inglese (sabato 21, ore 15) e in moldavo (sabato 21, ore 16)

All'interno dell'iniziativa è prevista anche una conferenza del Capitano Ciro Imperato, Comandante del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Bologna, dal titolo “L’arte in Ostaggio”.  Appuntamento sabato 14 aprile, alle ore 16, a Palazzo Pepoli Campogrande in Via Castiglione 7 a Bologna
L'incontro vuole fare il punto sull’importante attività del Nucleo Carabinieri TPC di Bologna nella lotta contro il traffico illecito di Beni Culturali e, in particolare, di reperti archeologici. A esempio concreto delle questioni delittuose afferenti il mondo dell'arte, Imperato ha ottenuto dalle Autorità Giudiziarie competenti l’autorizzazione a mostrare tre dipinti sequestrati dal Nucleo di Bologna nel corso delle proprie attività: uno Chagall e un Morandi autentici, e un falso Picasso.
Il video della  conferenza sarà proiettato a Palazzo Pepoli Campogrande per tutta la durata della manifestazione, alla presenza costante di militari dell’Arma a cui i visitatori potranno chiedere notizie e ragguagli sull’attività del Nucleo


"Benvenuti in Salaborsa"


Per presentare l'iniziativa, mercoledì 28 marzo 2012, alle ore 9, si tenuto un incontro a Bologna nella Sala Gnudi della Pinacoteca Nazionale in Via Belle Arti n. 56
Dopo i saluti del Soprintendente Filippo Maria Gambari, Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna, sono intervenuti:

Mario Andrea Ettorre, Direttore del servizio II della Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale
Progetto "Benvenuti al Museo": finalità e modalità

Paola Desantis, Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna
Presentazione del progetto bolognese di "Benvenuti al Museo": dall'archeologia alla storia dell'arte
La Bologna più antica illustrata dagli scavi in Salaborsa

Anna Stanzani,  Soprintendenza per il patrimonio storico artistico e etnoantropologico per le province di Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Ravenna, Rimini
Il ciclo di affreschi di Palazzo Pepoli Campogrande

Ciro Imperato, Comandante Carabinieri Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bologna
L'Arma a difesa del nostro patrimonio culturale

Hanno chiuso l'incontro responsabili di Salaborsa e  rappresentanti del corpo docenti degli Istituti coinvolti nel progetto che illustrerà  l'importanza di questa esperienza per le scuole
Alla presentazione hanno assistito studenti dei diversi Istituti coinvolti e del corso di Museologia dell'Università di Bologna, con la docente Marinella Pigozzi. Era anche presente una delle coordinatrici del progetto "Benvenuti al museo", Antonella Casciano, (l'altra è Susanna Occorsio) del Centro per i servizi educativi del museo e del territorio del servizio II, DG Valorizzazione

La parte bolognese di "Benvenuti al Museo" è  realizzata da:
-Servizi Educativi della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia-Romagna (Paola Desantis e Simona Carosi, con la collaborazione esterna di Carla Ronchetti)
-Servizi Educativi della Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le provincie di Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini  - Pinacoteca Nazionale (Anna Stanzani)
- Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale - Bologna
- Istituti Scolastici IPSCT “Aldrovandi-Rubbiani” (Carmela Di Matteo), ITCS “R.Luxemburg” (Marianna Gallo, Mila Freddi), Liceo Linguistico “L. Bassi”( Sandra Villa)
In collaborazione con Biblioteca Salaborsa (resp. Tiziana Nanni)   


Domenico Maria Canuti, Ercole e i Cercopi, Palazzo Pepoli Campogrande
L’ episodio qui rappresentato è forse un unicum in età moderna. Il mito è di norma raffigurato in vasi greco attici e in metope arcaiche (550 circa a.C) e mostra Ercole che porta i due Cercopi (briganti celebri per furti, imbrogli e spergiuri) appesi alla sua clava per i piedi.
Durante la loro infanzia, la madre dei Cercopi gli aveva profetizzato che un giorno sarebbero stati vinti da un uomo di nome Melampigo (dal negro culo). Ercole aveva il sedere abbronzato e peloso, e quando i Cercopi se ne accorsero scoppiarono a ridere. Quando Ercole chiese il motivo di tanta ilarità, la risposta lo divertì tanto che lasciò liberi i due fratelli

Dal 14 al 22 aprile il Ministero per i Beni e le Attività Culturali organizza la XIV edizione della Settimana della Cultura aprendo gratuitamente tutti i luoghi d’arte statali (Musei, monumenti, aree archeologiche, biblioteche, archivi). L’iniziativa coinvolge molte Istituzioni pubbliche, Enti locali, Associazioni, Fondazioni statali e private e gli Istituti italiani di Cultura all’estero.
Per nove giorni, la cultura italiana è “in vetrina”, con migliaia di eventi, mostre, convegni, laboratori, visite guidate, concerti, spettacoli, proiezioni cinematografiche, aperture straordinarie. Tutti gli eventi sul sito www.beniculturali.it
Nell'ambito della Settimana della Cultura, la Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale e il S’ed, Centro per i servizi educativi del museo e del territorio, promuovono il progetto “Benvenuti al museo” che prevede una significativa collaborazione degli allievi delle classi 4^ e 5^ degli Istituti di Istruzione secondaria di 2° grado nell’attività di accoglienza e informazione nei luoghi della Cultura durante la Settimana della Cultura. Scopo dell’iniziativa è approfondire la conoscenza dei beni culturali, rafforzare la motivazione allo studio e avvicinare il pubblico ai beni culturali per il mezzo di giovani operatori che più facilmente possano richiamare l’interesse dei pari età.

Tutte le iniziative della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia-Romagna durante la XIV Settimana della Cultura (14-22 aprile) sul sito http://www.archeobologna.beniculturali.it/

Calendario delle visite guidate agli scavi archeologici in Salaborsa dal 3 marzo al 28 giugno 2012 (a cura di un bibliotecario)

 

pagina a cura di Carla Conti