SABATO 19 NOVEMBRE 2011, MUSEI IN MUSICA
 Vi aspettiamo nei Musei Archeologici Nazionali di Marzabotto e Ferrara e al Civico di Monterenzio
spettacoli, concerto, visita guidata e brindisi finale dalle 21 a tarda notte
Home - Mostre e appuntamenti  Archivio mostre - Musei in Musica 2011
 
 
21 novembre 2011
La Soprintendenza per i beni archeologici dell'Emilia-Romagna ringrazia gli oltre 350 amici che hanno scelto di trascorrere la serata di sabato 19 novembre nei nostri Musei Archeologici Nazionali di Ferrara e Marzabotto partecipando alle iniziative culturali che avevamo preparato per la manifestazione "Musei in Musica"
Ci auguriamo che l'appuntamento possa essere rinnovato anche nel 2012
 
SABATO 19 NOVEMBRE 2011
‘Musei in Musica’
apertura straordinaria fino a tarda notte con eventi e ingresso gratuito

Al fine di promuovere la cultura e avvicinare sempre più i cittadini all’arte ed ai luoghi che la conservano, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali promuove per il secondo anno consecutivo, il 19 novembre prossimo, l'evento "Musei in musica".
L'iniziativa prevede l'apertura straordinaria dei musei fino a tarda notte con  concerti e spettacoli musicali che saranno offerti gratuitamente al pubblico.  Un modo per diffondere la conoscenza del patrimonio culturale a un sempre più ampio numero di cittadini, facilitando soprattutto coloro che hanno difficoltà a fruire dei nostri musei nel normale orario di visita.
Il Museo Nazionale Etrusco di Marzabotto e il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara aderiscono all'iniziativa garantendo l'apertura straordinaria con ingresso gratuito rispettivamente dalle 21 all'una di notte e dalle 20.30 a mezzanotte. (n.b. Durante l'apertura ordinaria della giornata il biglietto sarà emesso normalmente)
Partecipa a Musei in Musica anche il Museo Civico Archeologico "Luigi Fantini" di Monterenzio

Dopo la normale apertura dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 17.30, il Museo Nazionale Etrusco "Pompeo Aria" di Marzabotto riapre con ingresso gratuito dalle 21 all'una di notte, con un programma di musica, cultura e brindisi finale a base di vino brulé

Marzabotto (BO), Via Porrettana Sud n. 13
Info 051.932353

In occasione di Musei in Musica, il museo riapre i battenti alle ore 21 per dare vita a "Mezzanotte con gli Etruschi", una serata densa di iniziative, tutte assolutamente gratuite.
Veduta della necropoli est della città Etrusca di MarzabottoSi comincia alle 21.30 con i rievocatori storici di "Melthum Kainual" che fanno da cornice ad "Arcaiche note a Kainua", esibizione del Gruppo Vocale Farthan (che in Etrusco significa genio, forza creativa), diretto dal Maestro Elide Melchioni.  Il concerto, che prevede l'esecuzione di una decina di brani  per una durata complessiva di 45 minuti circa, è una rivisitazione di canti antichi della tradizione popolare italiana, macedone e ungherese.
La serata prosegue alle ore 22.30 con una visita guidata al museo condotta dal Direttore Paola Desantis e un brindisi di mezzanotte a base di vino brulé offerto dalla Pro Loco di Marzabotto e dalla Coop Reno, Supermercato di Marzabotto.

Il Gruppo Vocale Farthan di recente costituzione (primavera 2011) nasce raccogliendo le migliori energie vocali-creative della valle del Reno attorno a un progetto corale che propone come innovativo già dal nome, attinto dall’antica lingua Etrusca. L’affascinante etimologia di Fartham (letteralmente "genio, forza creativa") è anche un omaggio alla città in cui il gruppo ha la propria sede, quella Marzabotto che fu un importantissimo insediamento Etrusco sull’appennino tosco emiliano.
La passione per la musica, la cultura popolare emiliana e il recupero di canti della tradizione orale si esprime nella scelta di un repertorio poliedrico, non convenzionale, multietnico e sempre pronto a percorrere nuove strade. La fascinazione di partenza, l’imprinting è comunque il canto di tradizione orale, italiano e non, con una spiccata predilezione per un repertorio “al femminile”.
Fin dalla sua fondazione il Gruppo Vocale Farthan è diretto dal Maestro Elide Melchioni.

Arcaiche note a Kainua

SCHTO MI E MILO trad. Macedonia
DEUS TI SALVET MARIA trad Sardegna
ADJEMUS T. Jenkins
IL GARGIOLAIO trad. Emiliano Arm. Giorgio Vacchi
IERI MI MARITAI trad. Emiliano Arm. Giorgio Vacchi
MIO PADRE E MIA MADRE trad. Emiliano Arm. Giorgio Vacchi
FA LA NANA trad. Emiliano Arm. Giorgio Vacchi
DILMANO DILBERO trad. Ungheria
RUMELAJ trad. Rom Ungheresi

Nata a Bologna nel 1970,  Elide Melchioni si è diplomata a pieni voti in Fagotto al Conservatorio Martini di Bologna e si è laureata in Discipline della musica (DAMS- Etnomusicologia) con il massimo dei voti e lode presso l’Università degli Studi di Bologna. Ha anche conseguito il titolo biennale di Specializzazione per l’Insegnamento Musicale Secondario (SSIS).
Parallelamente all’interesse etnomusicologico, nel 1997 ha cominciato a interessarsi di tematiche relative alla vocalità popolare, fondando e dirigendo diversi gruppi corali. Ha cantato come solista nel “Latinobalcanica ensemble”, trio vocale femminile dedito al canto di tradizione orale nell’area mediterranea, e suona inoltre la piva emiliana e le ocarine, rari strumenti con i quali partecipa come solista ad importanti festival di musica medioevale, popolare e di word music.
Per quanto concerne i progetti più recenti, suona in “OCARINA ENSEMBLE”, settimino di ocarine Budriese e fagotto e ocarine in “CLASSICA AFROBEAT ORCHESTRA”, formazione romagnola che ripropone musiche del BLACK PRESIDENT Fela Kuti.
Ha inciso per la TACTUS e per etichette indipendenti, partecipando a varie dirette radio-televisive (“La stanza della Musica” -RADIO3; “La musica di Rai tre”-RAI3, “Moby Dick”, RADIO2, ecc).
Per nove anni ha fatto parte della Commissione Artistica ed è stata Delegato per la provincia di Bologna dell’Associazione Emiliano Romagnola Cori (AERCO).
Insegna con entusiasmo Educazione Musicale nella Scuola Media Veggetti di Vergato (BO).

La serata è promossa dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna, Direzione e Personale dal Museo Nazionale Etrusco, con la collaborazione del Gruppo Vocale Farthan e il sostegno di Pro Loco Marzabotto e Coop Reno, Supermercato di Marzabotto, e il patrocinio del Comune di Marzabotto

 

Sala del Tesoro, affresco di Benvenuto Tisi - Museo Archeologico Nazionale di FerraraDopo la normale apertura dalle 9.30 alle 17, il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara riapre dalle 20.30 a mezzanotte con ingresso gratuito per ospitare due spettacoli realizzati dalle Contrade Rione San Benedetto, Borgo San Giorgio e Rione Spirito di Ferrara

Ferrara, Via XX Settembre n. 122
Info 0532.66299
www.archeoferrara.beniculturali.it

…. edificò sopra la via detta Giaia un Regio Palagio per habitazione di Ludovico Sforza detto il Moro” Così scriveva il Guarini nel 1621.
E a Palazzo Costabili detto di Ludovico il Moro, sede del Museo Archeologico Nazionale, in occasione di Musei in Musica si terranno, alle ore 21 e alle 22, due spettacoli di giocosa narrazione, scherzando fra la storia e i misteri che si celano in questo gioiello dell’architettura ferrarese del cinquecento.

Narrazioni estensi tra leggenda e mistero al Palazzo di Ludovico il Moro

Un "mistero" aleggia attorno al Palazzo di Ludovico il Moro. Un sontuoso, enigmatico palazzo, che ancora oggi cela il segreto della sua origine. Chi fu veramente a volere la splendida dimora e a incaricare della sua progettazione Biagio Rossetti, il più rinomato architetto del tempo?
Il  Duca di Milano, quel Ludovico Sforza detto Il Moro, che per anni fece tremare l’Italia, o il nobile Antonio Maria Costabili, ambasciatore ferrarese presso la di lui corte?
Se è vero che le fonti archivistiche non menzionano lo Sforza tra i finanziatori del progetto, è anche vero che per una sera si può "giocare" su un’ipotesi di verità svelata attraverso il racconto di frammenti di vita della corte di Ludovico e Beatrice:  una storia romanzata senza pretese di rigore storico che consentirà al grandioso edificio di aprire le porte e i saloni alla narrazione e allo spettacolo, tra misteri e segreti da svelare. Una giocosa serata alla corte di Ludovico e Beatrice, tra nobili ambasciatori, cortigiane e raffinate signore, danze e ricche rappresentazioni.
In scena le Contrade Rione San Benedetto, Borgo San Giorgio e Rione Spirito.

L'iniziativa fa parte del programma autunnale organizzato dall’Ente Palio della Città di Ferrara, all’interno delle dimore più prestigiose della nostra città, denominato “Tra Leggende e Misteri alla Corte Estense”. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito: www.paliodiferrara.it

La serata è promossa dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna, Direzione e  Personale del Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, in collaborazione con Ente Palio Città di Ferrara, Gruppo Archeologico Ferrarese e Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia-Romagna

Museo Archeologico “L. Fantini”
via del Museo 2
Monterenzio (BO)

Ve le suoniamo

info 051 929766      museomonterenzio@yahoo.it

Il Museo Civico Archeologico "Luigi Fantini" di Monterenzio (BO)Il Museo Civico Archeologico “L. Fantini” di Monterenzio aderisce a "Musei in Musica" e a SBAM due importanti iniziative culturali.
Sabato 19, alle ore 18.30, in occasione della giornata nazionale dei “Musei in Musica” promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, l'Associazione culturale Taranis di Monterenzio organizza "Ve le suoniamo", aperitivo in Museo offerto con accompagnamento musicale dal vivo a cura del Maestro Roberto Regazzi (sonorizzazione ambientale con Hang) accompagnato dal Maestro Iames Santi (Chitarra).
Roberto Regazzi è un liutaio bolognese, noto come costruttore di violini, viole e violoncelli, studioso, collezionista ed editore. È stato presidente dell'Associazione Europea Maestri Liutai e Archettai, membro della "Violin Society of America", socio fondatore e presidente del "Gruppo Liuteria Bolognese" e membro del direttivo dell'Associazione Liutaria Italiana nel Gruppo "Liutai e Archettai professionisti", di cui è stato anche vicepresidente. Di recente, ha ricevuto importanti riconoscimenti quali il Premio “Maestro dell'Artigianato” della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Bologna (2006), e l'incarico d'eccellenza s rappresentare la tradizione liutaria all'Expo di Shangai 2010. Molti sono i musicisti che suonano e possiedono o hanno commissionato strumenti da lui costruiti, tra i quali basti citare Riccardo Brengola, Franco Gulli e Uto Ughi.
L'aperitivo sarà preceduto da una visita guidata gratuita alle sale espositive (alle ore 17).
Domenica 20, a partire dalle ore 10, avranno luogo a Monterenzio eventi ideati dal Museo e dalla Biblioteca Comunale “B. Bjornson”, nell'ambito dello “SBAM! Cultura a porte aperte”, promosso dall'Ufficio Istituti Culturali – Servizio Cultura- della Provincia di Bologna. L'iniziativa è rivolta in particolare ai bambini e ai cittadini stranieri. Per i bambini sono previste letture animate in Biblioteca (“Paura in biblioteca”, ore 10), e un laboratorio sulle figurazioni fantastiche e soprannaturali legate al mondo celtico in Museo (“Quei mostri dei Celti..”, ore 16). Per gli adulti e per i cittadini stranieri, una visita guidata gratuita in italiano, rumeno e arabo, curata dal Servizio Centralizzato di Mediazione Culturale del Comune di Bologna (Associazione mediatrici interculturali sociali e sanitarie), e frutto della collaborazione con le Anagrafi dei Comuni limitrofi (Monghidoro, Loiano, Pianoro, Ozzano, San Lazzaro) che hanno aiutato a individuare le rappresentanze estere maggiormente presenti sul territorio. Un progetto questo, supportato dall'Assessorato alla Cultura e dai Servizi Sociali del Comune di Monterenzio e dal Dipartimento di Archeologia dell'Università di Bologna, che mira allo scambio interculturale ed è attento alle realtà dei nuovi pubblici museali.
La giornata si concluderà alle ore 18 con l'inaugurazione presso il Museo Archeologico dell'Esposizione d'arte contemporanea degli artisti di Monterenzio, alla sua V Edizione.
È gradita la prenotazione:
- Biblioteca Comunale “B. Bjornson”, via Idice 58/A, Monterenzio, tel. 051 6556404, e-mail: biblioteca@comune.monterenzio.bologna.it
- Museo Archeologico “L. Fantini”, via del Museo 2, Monterenzio, tel/fax 051 929766, e-mail: museomonterenzio@yahoo.it
Il programma dettagliato degli eventi è disponibile sui siti:
www.archeologia.unibo.it/Archeologia/Risorse+e+strutture  e www.comunemonterenzio.eu

 

Promosso da:

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Quando:

 

sabato 19 novembre 2011 in molti musei, monumenti e zone archeologiche di proprietà dello Stato

 

clicca qui per per l'elenco completo, sito del Ministero per i Beni e le Attività Culturali