BELLEZZA E LUSSO
al Museo Archeologico Nazionale di Ferrara
ciclo di conferenze dal 25 marzo al 24 maggio 2011
Home - Mostre e appuntamenti - Archivio mostre -  Ferrara, dal 25 marzo al 24 maggio 2011
 

Museo Archeologico Nazionale di Ferrara
Via XX Settembre 122

Il tesoro del Carambolo (VII sec.a.C.) - Madrid, Museo Arqueologico NacionalLa conferenza di Valentino Nizzo inaugura il nuovo ciclo di incontri pomeridiani al Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, dedicato a “Bellezza e Lusso”.
Il ciclo di conferenze, dal titolo accattivante, oltre che ispirato dal desiderio di esorcizzare i mala tempora che stiamo vivendo, vuole ricordare come, nel mondo antico, bellezza e lusso corrispondessero a ideali di vita non solo estetici ed edonistici ma anche legati a ideali culturali. I relatori cercheranno anche di illustrare quanto di quella bellezza e di quel lusso siano pervenuti fino a noi attraverso i secoli, finendo per costituire un patrimonio comune a tutta l'umanità, da conservare per sempre.
Si è quindi scelto un excursus che, spaziando attraverso le varie fasi culturali, possa fornire un'idea della bellezza e del lusso nei secoli, con parentesi che ci riconducano a Spina, la città etrusca sorta tra Po e Adriatico, il cui ritrovamento ha ispirato la creazione del Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, originariamente denominato “Regio Museo di Spina”.
I sei incontri programmati, partendo dalla Protostoria, dai progenitori villanoviani degli Etruschi (Valentino Nizzo), consentono di attraversare l'età classica, con aperti richiami alla realtà spinete (Paola Desantis, Daniela Ferrari e Pietro Giovanni Guzzo), fino all'incontro con l'età romana (Chiara Guarnieri).
A conclusione del ciclo, il 24 maggio, Chiara Toschi Cavaliere presenterà Elisabetta Gnignera e i suoi studi su copricapi e acconciature nell’Italia del Quattrocento.
Gli incontri si svolgono nella Sala delle Carte Geografiche del Museo Archeologico Nazionale di Ferrara e sono a ingresso gratuito.

Calendario dell’iniziativa:

venerdì 25 marzo, ore 16.30
Valentino Nizzo
Splendori orientalizzanti. All’origine del “mito etrusco”

Valentino Nizzo affronta l'intrigante tema della colonizzazione culturale. La cultura mediterranea del IX e VIII secolo a. C. è debitrice all'Oriente di uno dei principali fenomeni della storia occidentale: Nelle sue prime fasi l’impresa coloniale ebbe forme diverse, configurandosi come semplice contatto o ramificandosi sotto forma di veri e propri stanziamenti. Gli artefici di tale fenomeno ebbero una origine diversa, talvolta miscelata in amalgami originali fatti di genti orientali e greche, per poi prendere forme più compiute e schematizzate, con l’arrivo dei primi gruppi di coloni organizzati; veri e propri “esportatori” di una nuova cultura, di una nuova economia e di una nuova civiltà. Mentre le vicende contemporanee ci narrano le tristi storie di esuli e di fuggiaschi, nel dialogo di oggi cercheremo di ripercorrere le tracce di quei primi viandanti del Mediterraneo che, cristallizzati nel mito di Odisseo dall’epica omerica, esportarono la loro cultura in Occidente, dando vita a quella fioritura orientalizzante su cui si fonda il mito dell’origine orientale degli Etruschi.

martedì 12 aprile, ore 16.30
Paola Desantis
L’immagine della moda a Spina. L'abbigliamento reale e simbolico della donna in Etruria padana

Paola Desantis si produce in una carrellata sulla moda greca ed etrusca, cui seguirà una visita guidata  al museo mirata a individuare le fogge illustrate

martedì 26 aprile, ore 16.30
Daniela Ferrari
Profumi e...

martedì 3 maggio, ore 16
Pietro Giovanni Guzzo
L'oro degli Etruschi di Spina. Considerazioni su alcune oreficerie da Spina

Pietro Giovanni Guzzo discute le attestazioni, note esclusivamente da sepolture, delle oreficerie da Spina. Fibule, pendenti, anelli, orecchini, corone sono presenti in quantità non elevata come componenti dei corredi sepolcrali, in specie in rapporto con l’abbondanza negli stessi di bronzi: se ne deduce che gli Spineti preferissero investire il proprio surplus nel commercio, anziché nell’opulenza privata.
Le caratteristiche tipologiche e stilistiche distinguibili nelle oreficerie di Spina sono riportate ad una cerchia produttiva etrusca settentrionale, probabilmente da localizzare a Felsina. Si propone di riconoscere alcuni influssi stilistici celtici, Si analizza una fibula di importazione dai Balcani.

martedì 17 maggio, ore 16.30
Chiara Guarnieri
Bellezza e lusso nell'età romana

martedì 24 maggio, ore 16
Chiara Toschi Cavaliere, Elisabetta Gnignera
La bellezza femminile nell’Italia dal XIV al XV secolo

 

Promosso da: Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna
Quando: da venerdì 25 marzo a martedì 24 maggio 2011, alle ore 16 oppure 16.30
Città: Ferrara
Luogo: Sala delle Carte Geografiche del Palazzo di Ludovico il Moro, sede del Museo Archeologico Nazionale
Indirizzo: Via XX Settembre n. 122
Provincia: Ferrara
Regione: Emilia-Romagna
Info: tel. 0532 66299
 

 

pagina a cura di Caterina Cornelio (Direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Ferrara)

editing Carla Conti