SPLENDORI ORIENTALIZZANTI
All’origine del “mito etrusco”
conferenza di Valentino Nizzo
Home - Mostre e appuntamenti - Archivio mostre -  Ferrara, 25 marzo 2011
 

Museo Archeologico Nazionale di Ferrara
Venerdì 25 Marzo 2011
Ore 16.30

conferenza di Valentino Nizzo

Ex oriente lux. La luce dall’Oriente. Una frase latina molto nota che, cogliendo la metafora del moto solare, esprime condensato un concetto che ha segnato profondamente la storia culturale del mondo occidentale.
La cultura è la luce che si irradia dall’Oriente… e all’Oriente la cultura mediterranea del IX e VIII secolo avanti Cristo è debitrice di uno dei principali fenomeni della storia occidentale. Il primo ad avere un impatto che, utilizzando un termine entrato oggi nell’uso comune, potremmo definire globalizzante: la “colonizzazione”.
Nelle sue prime fasi l’impresa coloniale ebbe forme diverse, configurandosi come semplice contatto o ramificandosi sotto forma di veri e propri stanziamenti. Gli artefici di tale fenomeno ebbero una origine diversa, talvolta miscelata in amalgami originali fatti di genti orientali e greche, per poi prendere forme più compiute e schematizzate, con l’arrivo dei primi gruppi di coloni organizzati; veri e propri “esportatori” di una nuova cultura, di una nuova economia e di una nuova civiltà.
Mentre le vicende contemporanee ci narrano le tristi storie di esuli e di fuggiaschi, nel dialogo di oggi cercheremo di ripercorrere le tracce di quei primi viandanti del Mediterraneo che, cristallizzati nel mito di Odisseo dall’epica omerica, esportarono la loro cultura in Occidente, dando vita a quella fioritura orientalizzante su cui si fonda il mito dell’origine orientale degli Etruschi.

 

Promosso da: Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna
Quando: venerdì 25 marzo 2011, alle ore 16.30
Città: Ferrara
Luogo: Sala delle Carte Geografiche del Palazzo di Ludovico il Moro, sede del Museo Archeologico Nazionale
Indirizzo: Via XX Settembre n. 122
Provincia: Ferrara
Regione: Emilia-Romagna
Info: tel. 0532 66299
 

 

pagina a cura di Carla Conti