ARCHEOGITE BOLOGNESI
aprile ®  giugno 2009
itinerari archeologici (tra terra e cielo) tra Bologna e provincia
Home - Mostre e appuntamenti -  Archivio mostre -  ArcheoGITE Bolognesi 2009
Download del pieghevole con il programma completo (Acrobat Reader)

Le età preistoriche del Bronzo e del Ferro; i Celti, gli Etruschi, i Romani; il Medioevo e il Rinascimento, fino all'età Moderna. Sono le tappe del viaggio nei più antichi insediamenti del territorio bolognese che la Provincia di Bologna e la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna vi propongono per la seconda edizione delle ArcheoloGITE Bolognesi che si terranno dalla metà di aprile a giugno 2009
Le due istituzioni, in collaborazione con i dipartimenti di Archeologia e di Astronomia dell'Università degli Studi di Bologna, hanno voluto far coincidere il comune interesse di valorizzare il ricco patrimonio archeologico bolognese con una serie di manifestazioni coordinate che toccano molti siti e musei della Provincia di Bologna, dal Museo Civico Archeologico di Bologna al Museo Nazionale Etrusco di Marzabotto, dal Museo Archeologico "A. Crespellani" di Bazzano al Museo Scarabelli di Imola, dal Museo Civico di Monterenzio al Museo Archeologico di San Giovanni in Persiceto, dal Museo della Preistoria di San Lazzaro di Savena alla mostra museo della Città di Claterna di Ozzano dell'Emilia, fino al neonato Museo della civiltà villanoviana che sarà inaugurato il 9 maggio a Villanova di Castenaso.
Visto che nel 2009 si festeggia l'Anno Internazionale dell'Astronomia, il tema scelto per questa seconda edizione delle nostre "gite archeologiche" è il cielo degli antichi nei suoi molteplici aspetti, gli astri, il tempo, lo spazio.
Vi aspettiamo con tante visite guidate, conferenze, passeggiate e proposte interessanti e divertenti in tanti musei archeologici e siti di scavo del territorio provinciale


Ricostruzione della grande struttura a pianta concentrica di Těšetice-Kyjovice (Repubblica Ceca), cultura morava a Ceramica dipinta del secondo terzo del V millennio a.C.
Aperta in corrispondenza dei quattro punti cardinali, l'area interna si crede fosse teatro di feste stagionali che riunivano gli abitanti dei villaggi circostanti. Le fosse contenevano soprattutto vasellame e numerosi idoli femminili, generalmente frammentati

Il cielo degli antichi (di Paola Desantis)

La volta celeste deve aver costituito per l’uomo, fin dai primordi, una fonte inesauribile di suggestioni e misteri da decifrare e comprendere. Certo l’esplorazione dei cieli e il tentativo di interpretarne moti periodici e fenomeni improvvisi avanzò in sintonia con la presa di possesso dell’ambiente circostante. Ma l’osservazione del cielo si colorava in modo particolare di valenze religiose e si prestava quanto mai ad essere interpretata come espressione della volontà divina, caratterizzata da segni che andavano svelati e ai quali si doveva dare risposte rituali, nel tempo sempre più codificate. Se l’osservazione degli astri ha dato all’uomo punti di riferimento sicuri nella dimensione dello spazio, i cicli di sole, luna e altre stelle hanno dato i termini per il prima ed il poi, proiettando l’umanità nella dimensione del tempo: per il tramite delle stelle dunque si è iniziato a misurare la terra, a codificare i calendari dell’agricoltura, a stabilire le successioni temporali ed è così nato il concetto di storia.
Nell’anno dell’astronomia ArcheoloGITE 2009 propone dunque vari itinerari attraverso i musei e le aree archeologiche del territorio bolognese, che consentano un approccio leggero ma meditato alle diverse problematiche legate alla lettura del cielo degli antichi, supportate dalle importanti conferenze introduttive, presso il Dipartimento di Archeologia e il Museo Civico di Bologna, sulle specifi che tematiche dell’astronomia, del mondo etrusco e romano. Incentrate sui simboli astronomici della preistoria e sui miti alle origini del cosmo saranno le iniziative del museo di San Lazzaro, di quelli di Imola e di Castenaso, ma l’argomento pare attagliarsi con particolare evidenza al mondo degli Etruschi, “di tutti i popoli il più religioso” ed è per questo che si è dato particolare risalto ed articolazione alle iniziative dedicate a Marzabotto, a Felsina e al centro etrusco-celtico di Monte Bibele. Le problematiche relative al mondo romano saranno ampiamente affrontate sia per quanto riguarda la misurazione del tempo che quella dello spazio (Musei di Medicina, Budrio, San Giovanni in Persiceto, Bazzano) e sarà possibile proiettarsi nella visione diretta del cielo degli antichi nel sito della città romana di Claterna, grazie all’intervento dell’Osservatorio Astronomico di Bologna. Analoga iniziativa a Marzabotto chiuderà, nella suggestiva notte del solstizio d’estate, l’avventura attraverso i cieli di ArcheoloGITE 2009.

Programma

sabato 18 aprile, ore 17
SAN LAZZARO DI SAVENA (BO)
Museo della Preistoria 'Luigi Donini'
Via Fratelli Canova n. 49
PREISTORIA DEI SIMBOLI ASTRONOMICI E IL MISTERO DI ORIONE
Conferenza di Pasquale Barile

Il dott. Pasquale Barile illustra, con l'ausilio di una proiezione, i più antichi "segni" ispirati all'arco celeste presenti nel territorio bolognese a confronto con una delle più grandi e coeve manifestazioni lasciate dall'uomo: le piramidi e la simbologia astronomica degli Egizi - Prenotazione obbligatoria - Per info 051.465132 - museodonini@libero.it

domenica 19 aprile, ore 17
IMOLA (BO)
Auditorium del Museo di San Domenico
Via Sacchi n. 4
MONDI DIVERSI SOTTO LO STESSO CIELO.
Un percorso tra mito e scienza tra i reperti del Museo Scarabelli: dalle "meteoriti" alle Scodelle del Diavolo, dai fossili alle rocce
Conferenza

I Musei Civici di Imola, in collaborazione con l'Associazione Culturale Arte.na, propongono un percorso alla scoperta dello spazio e del tempo attraverso l'osservazione dei fossili e delle rocce del Museo "Scarabelli". La conferenza pone particolare attenzione alla curiosità che da sempre suscitano gli oggetti geologici. Su quelli più strani si sono rincorse e intrecciate leggende e spiegazioni più o meno scientifiche per avvicinarsi alla scoperta della loro natura e della loro origine, e spesso, ove la ragione non è riuscita a fornire spiegazioni accettabili, si è ricorsi a interventi divini o extra-planetari. Così è successo per i fossili, testimonianze del Diluvio Universale, o per rocce particolari come il noto Sasso di San Zenobi, da molti ancora ritenuto un meteorite, oppure per le Scodelle del Diavolo che si trovano nelle Argille Scagliose - Ingresso gratuito - Per info 0542.602609 - musei@comune.imola.bo.it

lunedì 20 aprile, ore 16,30
BOLOGNA
Aula Prodi (Dipartimento di Archeologia dell'Università di Bologna)
Piazza San Giovanni in Monte n. 2
TEMPLUM. L'ARCHITETTURA DELLO SPAZIO E DEL TEMPO TRA GLI ETRUSCHI DI MARBABOTTO E MONTE BIBELE
Conferenza di Antonio Gottarelli

Antonio Gottarelli, del Dipartimento di Archeologia dell'Università degli Studi di Bologna, illustra le recenti scoperte archeologiche che connotano il territorio bolognese come uno dei principali luoghi di formazione della cultura astronomica antica al mondo. Tradizione, questa, che il nostro territorio conserverà nei secoli a venire, ospitando tra le più eminenti personalità del pensiero scientifico, quali Copernico, Cassini e Grimaldi. La conferenza  è preceduta dai saluti di Luigi Malnati (Soprintendente ai Beni Archeologici dell’Emilia-Romagna), Simona Lembi (Assessora alla Cultura e Pari Opportunità della Provincia di Bologna), Pierluigi Battistini (INAF-Osservatorio Astronomico di Bologna) - Partecipazione gratuita - Per Info 051.2097606


Disco di Nebra, 1300 a.C.

martedì 21 aprile, ore 21
BOLOGNA
Centro Costa
Via Azzogardino n. 48
APPENNINICA: STORIA DELLE RICERCHE ARCHEOLOGICHE NELLA VALLE DELL'IDICE
ArcheoloCinema e conferenza di Antonio Gottarelli

Il Gruppo Archeologico Bolognese presenta il film “Appenninica: storia delle ricerche archeologiche nella valle dell’Idice”. La pellicola è un excursus delle ricerche archeologiche nella Valle dell'Idice visto attraverso le storie dei suoi protagonisti e illustra il collegamento ideale tra la nascita delle discipline geologiche e paleontologiche su un territorio che ne ha ospitato i principali reppresentanti in età post-unitaria.  Seguirà una conferenza di Antonio Gottarelli, Dipartimento di Archeologia dell'Università di Bologna - Partecipazione gratuita -  Per info tel. 051 565828 oppure 338 4168770

mercoledì 6 maggio, ore 15
BOLOGNA
Sala del Consiglio provinciale di Palazzo Malvezzi
Via Zamboni n. 13
RASSEGNA DI CINEMA ARCHEOLOGICO A CURA DI ARMONIE
ArcheoloCinema

Armonie presenta la Rassegna di Cinema Archeologico Marija Gimbutas: “Demetra a Vetralla", di Ebe Giovannini e Maurizio Pellegrini; "I segreti del Karakoum" di Marc Jampolsky; "I segreti del disco delle stelle", di Colin Murray. Le proiezioni, introdotte da Maria Longhena, Sandra Schiassi e Siusy Blady, saranno precedute dal saluto dell’Assessorato alla Cultura e Pari Opportunità della Provincia di Bologna - Partecipazione gratuita. Per info tel./fax 051.542876 - armonie@iperbole.bologna.it

domenica 10 maggio, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17
MEDICINA (BO)
Museo Civico
Palazzo della Comunità, Via Pillio n. 1
VALE, QUAE HORA EST? MISURARE IL TEMPO DAI ROMANI AI NOSTRI GIORNI: UN PERCORSO TRA MUSEO E VIE CITTADINE

Apertura straordinaria del museo a cura del Gruppo Archeologico Medicinese. Alla mattina e al pomeriggio si volgeranno delle visite guidate che avranno inizio al museo con la lettura di testi latini, proseguiranno lungo le vie cittadine per vedere l’orologio solare e la tabella della torre civica, per concludersi nuovamente al museo, davanti al meccanismo dell'orologio della torre civica - Partecipazione gratuita. Si consiglia la prenotazione: tel. 051 6979209 oppure 051 6979313 -  sonia.cantalupi@comune.medicina.bo.it

domenica 10 maggio, ore 16
BUDRIO (BO)
Museo Civico Archeologico e Paleoambientale
Palazzo della Partecipanza, Via Mentana n. 32
LA MISURA DELLA TERRA

Alle ore 16,  visita guidata alla sezione dedicata all'Età Romana del Museo Archeologico e Paleoambientale
Sempre alle ore 16, nella Sala S in via Garibaldi n. 39, "Dalla terra alle forme ... lavoriamo con l'argilla", laboratorio didattico per bambini dai 6 ai 12 anni. La partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria al tel. 051 6928306/279. La giornata è realizzata dai Musei Civici di Budrio in collaborazione con l’Associazione Civitas Claterna - Per informazioni e prenotazioni: Ufficio cultura tel. 051 6928306/279

venerdì 15 maggio, ore 21
SAN GIOVANNI IN PERSICETO (BO)
Planetario
Vicolo Baciadonne n. 1
SOPRA E SOTTO L'ORIZZONTE.  LA MISURAZIONE DELLO SPAZIO E DEL TEMPO IN ETÀ ROMANA: ARCHEOLOGIA E ASTRONOMIA NEL PERSICETANO

Alle ore 21, presso il Planetario di San Giovanni in Persiceto, Il Museo Archeologico Ambientale, in collaborazione con il Museo del Cielo e della Terra - sezione Planetario, svolge una serata tra astronomia e archeologia per immergersi in un'appassionante viaggio tra stelle e pianeti, miti e leggende, stagioni e agrimensura, meridiane e calendari, per comprendere in maniera suggestiva il rapporto con il cielo al tempo dei romani.
La serata si conclude con l'osservazione diretta del cielo presso l'Osservatorio Astronomico: relatori Fabio Lambertini, del Museo Archeologico Ambientale, e Marco Cattelan del Museo del Cielo e della Terra. Ingresso gratuito - Partecipazione gratuita - Per info: Segreteria del Museo tel. 051.6871757 - fax 051.82330 - maa@caa.it

sabato 16 maggio, ore 16
BOLOGNA
Punto di ritrovo: entrata dei Giardini Cassarini
Porta Saragozza
FELSINA: ALLINEAMENTI CELESTI DELLA CITTA' INVISIBILE. PERCORRENDO UN'IPOTESI...

Antonio Gottarelli (Dipartimento di Archeologia - Università di Bologna) e Pierluigi Battistini (Dipartimento di Astronomia – Università di Bologna), in collaborazione con l'Associazione Culturale Didasco, guidano i cittadini attraverso il “filo logico” di quei luoghi della città moderna che potrebbero svelare le linee nascoste di Felsina. Lo spazio abitato dei grandi centri etruschi come Marzabotto obbediva infatti a rigide e codificate regole di suddivisione spaziale, dettate dagli allineamenti celesti. Nell'ipotesi, anche Felsina potrebbe essere stata fondata su quelle stesse geometrie rituali e, in tal caso, taluni allineamenti potrebbero rivelare una trama immateriale della città antica che in parte ancora sopravviverebbe nel tessuto urbano del centro storico di Bologna - Partecipazione gratuita, massimo 30 persone - Prenotazione obbligatoria presso Didasco tel. 348 1431230 (pomeriggio e sera)

domenica 17 maggio, ore 10,30
BAZZANO (BO)
Rocca del Bentivoglio
Via Contessa Matilde n. 10
MISURARE LO SPAZIO E IL TEMPO

I visitatori sono guidati alla sezione romana del Museo per osservare gli strumenti di misura lineare, ponderale e di capacità. Segue la conferenza “Dal kardo e decumanus alle meridiane moderne” di Giovanni Paltrinieri, esperto gnomonista, che accompagnerà i visitatori alla scoperta delle meridiane antiche e moderne di Bazzano.
Presso la Rocca è aperto il Punto Gusto della strada dei Vini e dei Sapori, dove è possibile pranzare con i prodotti tipici della Valle del Samoggia
- Partecipazione gratuita - Prenotazione obbligatoria: tel. 339 7612628 -  museo@roccadeibentivoglio.it

giovedì 21 maggio, ore 16,30
BOLOGNA
Museo Civico Archeologico, Sala del Risorgimento
Via dei Musei n. 8
IL CIELO DEGLI ETRUSCHI
Conferenza di Luigi Malnati

Luigi Malnati, Soprintendente per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna, illustra al pubblico il variegato tema delle conoscenze astronomiche degli Etruschi e delle pratiche ad esse connesse: dall'augure al Templum Celeste, dall'osservazione del cielo a quella delle viscere degli animali sacrificati - Partecipazione gratuita - Per info tel. 051 2757211 - mca@comune.bologna.it

giovedì 28 maggio, ore 17
BOLOGNA
Museo Civico Archeologico, Sala del Risorgimento
Via dei Musei n. 8
MISURAZIONE E RAPPRESENTAZIONE DI SPAZIO E TEMPO NEL MONDO ROMANO
Conferenza di Emanuela Ercolani Cocchi

Emanuela Ercolani Cocchi, del Dipartimento di Storia Antica dell’Università degli Studi di Bologna, illustra al pubblico il variegato tema della misurazione e rappresentazione di spazio e tempo nel mondo romano - Partecipazione gratuita - Per info tel. 051 2757211 - mca@comune.bologna.it

sabato 30 maggio, ore 20
OZZANO DELL'EMILIA (BO)
Area archeologica di Claterna, in località Maggio
Via Emilia nn. 482-484 presso la cosiddetta "Casa Gialla"
CLATERNA TRA LE STELLE
Visione guidata del cielo mediante puntatore laser

Serata fra stelle e vecchie storie romane, guidata dagli operatori dell’Osservatorio Astronomico di Bologna e dagli archeologi dell'Associazione Civitas Claterna.
Ore 20: ritrovo sull’area archeologica di Claterna, Località Maggio, Via Emilia nn. 482-484, presso la cosiddetta “Casa Gialla” (segnaletica e possibilità di parcheggio sul posto). I visitatori saranno accolti da un piccolo rinfresco.
Ore 21: visione guidata del cielo mediante un puntatore laser, a cura dell’INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna.
Partecipazione gratuita - Prenotazione obbligatoria: tel. 347 7597112 - info@civitasclaterna.org

martedì 2 giugno, dalle ore 10,30
LOIANO e MONTERENZIO (BO)
Palazzo Loup e Museo Archeologico "L. Fantini"
Via Santa Margherita n. 21 e Via del Museo n. 2
OSSERVAZIONI ASTRONOMICHE E INSEDIAMENTI ARCHEOLOGICI: GLI ETRUSCHI E I CELTI DI MONTE BIBELE
Conferenze di Antonio Gottarelli e Daniele Vitali e visita guidata a Monte Bibele

Ore 10.30: conferenza a Palazzo Loup (via S. Margherita, 21 – Loiano) di Antonio Gottarelli (Dipartimento di Archeologia – Università di Bologna) sul tema "Il quadrante solare di Monte Bibele e il rito augurale di fondazione: nuove scoperte dall'abitato di Pianella di Monte Savino" e di Daniele Vitali (Dipartimento di Archeologia – Università di Bologna) su "L'Astronomia dei Celti".
Ore 12.45: pranzo a Palazzo Loup, con menu convenzionato a € 26 (Insalatina dei cicli lunari con funghi freschi, sedano e grana; Soli ripieni di ricotta e spinaci, al burro e oro; Lombatina di maiale con costellazioni di verdure stufate al Pignoletto; Patate Castore e Polluce; Torta di mele su crema alla Via Lattea; acqua minerale; vino regionale bianco e rosso in abbinamento; caffè).
Ore 14.30: spostamento a Monte Bibele per la visita guidata all’area archeologica e al luogo di rinvenimento del quadrante solare.
Ore 16.30: spostamento al Museo Archeologico “L. Fantini”: visita guidata alle sale espositive con presentazione del quadrante solare.
Ore 18: presso il Museo, merendina celtica a base di farrotto ai funghi con vino della Valle dell'Idice, offerta dalla Pro Loco di Monterenzio. Accompagnamento musicale di Nereide Lembo.
Il Comune di Monterenzio metterà a disposizione un servizio navetta gratuito, in partenza dal Museo alle ore 10, che coprirà tutti gli spostamenti della giornata.  L'evento è organizzato dal Museo Archeologico "L. Fantini", dal Dipartimento di Archeologia - Università di Bologna e dal Comune di Monterenzio, con il contributo di Palazzo Loup Hotel (Loiano) e dell’Associazione Pro Loco di Monterenzio -
Prenotazione obbligatoria: tel./fax 051 929766 - museomonterenzio@yahoo.it

martedì 16 giugno, ore 21
VILLANOVA DI CASTENASO
MUV - Museo della civiltà Villanoviana
L'UOMO E IL COSMO
Conferenza di Fabrizio Bònoli

Fin dall'alba della civiltà, l'Uomo si è interrogato sull'origine del Cosmo nel tentativo di dare una risposta alle domande fondamentali sulla nostra origine e sulla nostra esistenza. Guardando con curiosità e timore il Sole, la Luna e le stelle, le civiltà  del passato hanno così elaborato miti e leggende sulla creazione dell'Universo e creato una serie di simboli astrali che ritroviamo in manufatti e  monumenti dell'antichità e forse anche nella stele di Marano.
Partendo dagli antichi miti, il prof. Bònoli (Dipartimento di Astronomia dell'Università degli Studi di Bologna) metterà in evidenza come il riconoscimento di questo antico legame dell'Uomo con il Cosmo sia favorito dalla più ampia collaborazione tra astronomia e archeologia - Partecipazione gratuita - Per info tel. 051 780021 - muv@comune.castenaso.bo.it

sabato 20 giugno, dalle ore 17
MARZABOTTO (BO)
Museo Nazionale Etrusco "Pompeo Aria" e area archeologica di Marzabotto
Via Porrettana Sud n. 13
LE STELLE SULLA CITTA' ANTICA. VIAGGIO TRA TERRA E CIELO
Rappresentazione in costume, visita guidata e osservazione della volta celeste

Gli inferi
Ore 17: rappresentazione in costume a cura degli studenti della Scuola Secondaria di Primo Grado dell’Istituto Comprensivo di Marzabotto.
La terra di mezzo
Ore 18
: Orientamenti astronomici e culti urbani di fondazione. Visita ragionata alla forma urbana della città etrusca di Marzabotto con Antonio Gottarelli (Dipartimento di Archeologia - Università di Bologna).
Ore 20: visita guidata al Museo Nazionale Etrusco di Marzabotto, adiacente all’Area archeologica, a cura del Dipartimento di Archeologia dell’Università di Bologna e della Direzione del Museo.
…A riveder le stelle
Ore 21
: aperitivo stellare offerto dalla Società Agricola La Quercia Lallegroturismo (Via Quercia 22, Marzabotto, tel. 0516775397/06).
Ore 22: visione guidata del cielo mediante un puntatore laser, a cura dell’INAF-Osservatorio Astronomico di Bologna
Partecipazione gratuita - Per info: tel. 051 932353 -  sba-ero.museonazionaletrusco@beniculturali.it